Come alla con il

Nei giorni scorsi un giocatore professionista ci ha segnalato questo sistema per giocare alla roulette, ci sta dando ottimi risultati ed abbiamo voluto condividerlo con voi.

Dopo averlo provato a lungo lo abbiamo trovato stabile e vincente.

Questo metodo è il frutto di anni di esperienza ai tavoli e soprattutto di conoscenze statistiche e matematiche.

Al momento sul casinò dove normalmente giochiamo sta dando una resa molto interessante.

Adesso andiamo al sistema, la sua spiegazione è un po lunga ma alla fine la troverete molto chiara ed avrete tutti gli strumenti necessari per poter giocare questo sistema.

Ecco la spiegazione del sistema.

1) PREMESSA
Fin dalla mia prima visita ai Casinò mi sono subito avvicinato al tavolo della Roulette con spirito matematico e statistico. Forse tutto ciò è dovuto al fatto che la passione per l’ astronomia e gli studi legati a questa materia scientifica mi hanno sempre indotto a pensare che il “caso” non fosse poi così casuale come si pensa ma fosse governato da leggi precise che ne descrivono gli eventi….

Dopo aver letto alcuni libri in cui venivano descritte varie metodologie da applicare ai giochi di Casinò e dopo essermi reso conto che ognuna di queste aveva dei punti a favore, ma che aveva anche delle lacune incolmabili al presentarsi di fasi di gioco particolarmente negative, iniziai ad effettuare sperimentazioni e maturai il desiderio di sviluppare un sistema che possedesse le seguenti caratteristiche:

1) Fosse il più semplice possibile da giocare
2) Permettesse di restare nel rapporto minimali-massimali del tavolo da gioco (qundi gioco reale, non solo su un bel pezzo di carta!)
3) Desse un utile costante e discreto
4) Non richiedesse estenuanti attese di boules prima di essere messo in gioco
5) Che -nei casi più estremi- potesse essere ripreso e messo in gioco anche nei giorni successivi
6) Che non richiedesse un capitale esagerato
7) Che riuscisse a contenere anche il “rosicchiare” delle uscite dello “0”
8) Fosse giocabile sulle chances semplici
9) … e desiderio comune di tutti noi studiosi, che fosse davvero imbattibile!!!!!

Per quanto riguarda il punto n° 9 non ho ancora una risposta certa, ma ad oggi, dopo molti anni, e con una serie di miglioramenti, posso sostenere che il mio sistema potrebbe essere destinato a vincere in eterno!

Di fatto e nella realtà, non ha mai perso!!
Chissà… ai posteri l’ ardua sentenza!!

Il sistema denominato “WINNING ROULETTE” prende spunto dalle migliori idee formulate dalla montante D’ Alembert, dallo studio delle figure di Della Moglie, dal recupero di Garcia e da tutte le rimanenti idee formulate dal sottoscritto.

Per giustizia dovrei citare anche il nome di Marigny, per i suoi studi sulla permanenza personale poiché in parte il sistema “WINNING ROULETTE” è in qualche modo soggetto anche a queste leggi sia nelle fasi negative che in quelle positive!

NOTA 1: il sistema “WINNING ROULETTE” non si basa esclusivamente sulle tecniche di gioco dei suddetti studiosi, ma da loro, ha ereditato soltanto alcune idee vincenti!

NOTA 2: se non sei un esperto di giochi da Casinò e della terminologia utilizzata in questo ambiente non troverai difficile trovare le giuste informazioni in merito.

NOTA 3: la spiegazione di questo sistema non vuole essere un incentivo al gioco d’azzardo ma espone alcune deduzioni logico-matematiche che possono essere applicate ad alcuni giochi da Casinò. L’autore declina ogni responsabilità sull’utilizzo delle informazioni contenute in questa spiegazione.

2) CONSIDERAZIONI VARIE
Negli ultimi venti anni, in maniera non del tutto costante, mi sono più volte cimentato nello sperimentare ogni sistema mi venisse proposto, da amici, su riviste e quant’ altro. Solo dal 1998 con l’ avvento di Internet ho trovato nuove fonti di approvvigionamento per quanto riguarda i sistemi matematici applicati al gioco d’azzardo. Ad essere sincero non giocavo nessuno di questi sistemi al casinò poiché dopo brevi analisi sulla carta mi rendevo subito conto che non erano attuabili, ovvero erano perdenti nella pratica, e la matematica stessa li divorava in poche sedute!

Così, scoraggiato, tornavo sulla bozza del mio sistema che mi pareva buono e ci lavoravo sopra al fine di apportare ulteriori migliorie!
Prova e riprova, modifica qua e modifica là, il sistema pareva essere sempre meno vulnerabile al nemico (cioè la Roulette)!

NOTA IMPORTANTE: non ho mai approfondito studi su altri giochi come il “Punto e Banco” o il “30/40” chi volesse può cimentarsi a farlo!

3) INTERNET O CASINO’?
Come ho annunciato poco fa il mondo di Internet mi ha aperto nuove porte ma l’ ignoranza, ahimé, si paga!
Un paio di anni fa, provai a giocare il sistema in alcuni Casinò on line “finti”, trovandomi a perdere tutto. Solo analizzando le permanenze a posteriori, mi resi conto che discostavano dalle leggi del caso in maniera abnorme. Mi ripromisi allora di non giocare più in questi Casinò on line!

Ultimamente, dopo approfondite ricerche, e dopo aver selezionato uno tra i migliori e onesti Internet Casinò, ho riprovato l’ ardua sfida! Questa volta tutto è andato per il verso giusto: mi trovo a vincere costantemente e quasi quasi, potrei dire che l’ Internet Casinò pare essere addirittura più “stabile” – a livello di permanenze- rispetto alle permanenze reali!

!!! Nella spiegazione del sistema troverai i due casinò su cui ho giocato il sistema !!!

Con certezza posso affermare che è molto meglio giocare “WINNING ROULETTE” in un Internet Casinò che non in un Casinò reale per il semplice fatto che vi sono alcune fasi di recupero la cui attesa può arrivare a 200 boules.

4) FENOMENI ALEATORI
Premetto che ho testato il sistema utilizzando ogni possibile fenomeno e permanenza aleatoria come ad esempio: Roulette casalinghe, mazzi di carte da gioco, monete, estrazioni del lotto e simili, permanenze reali di Casinò, Casinò reali, generatori casuali di numeri al computer etc.

In tutti i casi non vi sono stati particolari problemi e in un solo caso, utilizzando un generatore casuale di numeri in Excel, mi sono trovato a dover affrontare una fase particolarmente negativa che si è successivamente ristabilita dopo circa 280 boules!

Questo è solo un caso limite che può comunque ripetersi.
Con queste varie metodologie estrazionali ho sperimentato un totale di circa 40.000 estrazioni!

5) COSA SI INTENDE PER “PERDITA DEL SISTEMA?”
Il sistema “Winning Roulette” si basa principalmente sul principio della  montante D’ Alembert (vedi glossario alla fine di questo ebook). Quando si vince diminuisco la posta di un unità, quando perdo aumento la posta di un unità.
Come ho detto poco fa, al punto 2 (“Permettesse di restare nel rapporto minimali-massimali del tavolo da gioco (qundi gioco reale, non solo su un bel pezzo di carta!”), sapendo che il massimale ed il minimale alle chances semplici è compreso in un rapporto di 1 / 50 (minimale 10,00 € / massimale 500,00 €) intendo la “sconfitta”, come il superamento di suddetto massimale, poiché teoricamente io non potrei più puntare 51 unità  su di una chance al colpo successivo.

Nella pratica, questo limite si è portato ad un massimo di 31 unità puntate, proprio in occasione della partita “su carta” mediante l’ utilizzo di  un generatore casuale di numeri in Excel.
QUESTO E’ STATO IL LIMITE MASSIMO DA ME RISCONTRATO IN TUTTE LE SPERIMENTAZIONI

Faccio altresì presente che il sistema prevede un budget totale di 250 unità per poter essere giocato con un buon margine di sicurezza, poiché (ad esempio, in caso di sconfitte consecutive, mi troverei al colpo n° 22 ad aver perso 253 unità (1+2+3+4 etc etc).
SEBBENE IO SIA ARRIVATO ALLA SOGLIA DI QUESTO LIMITE, POSSO TRANQUILLAMENTE ASSICURARE DI NON AVER MAI SUPERATO TALE LIMITE DI 250 UNITA’, O PER MEGLIO DIRE, MI SONO BASTATE 250 UNITA’, POICHE’, NEL CORSO DELLA SESSIONE DI GIOCO, DIVERSE DECINE DI UNITA’ LE AVEVO GIA’ VINTE E CIO’ MI HA PERMESSO IN AUTOMATICO DI INCREMENTARE, CON I SOLDI DEL CASINO’, IL MIO BUDGET DI 250 UNITA’!!!

Dal punto di vista teorico, (io non consiglierei di rischiare fino a tanto) la perdita teorica del sistema avviene soltanto quando si perdono 1275 unità, equivalenti alla somma 1+2+3+4 etc fino a 50.

Dal punto di vista pratico, come ho detto prima, ritengo che giocare con un budget iniziale di 250 unità sia già sufficiente ad assicurarsi (di vincere!) fino a 3-10 volte il budget iniziale (di 250 unità).

Quando ci troviamo a perdere queste 250 unità, a mio avviso sarebbe opportuno ricominciare daccapo!

6) MAGHI O MATEMATICI?
“Vale di più un sistema basato sulla matematica delle puntate che non basato sulla predizione degli eventi” .

Questa è un’ altra delle considerazioni che ho maturato nel corso dei molti anni di studi!

Predire la sortita di una combinazione quasi “a colpo” o “nel giro di pochi colpi” è una cosa possibile ma si chiama “fortuna” !!! Infatti, la possibilità di sortita di un determinato evento è governata da leggi precise che ne determinano soltanto il possibile intervallo di tempo (espresso in numero di estrazioni).

I numeri (o i gruppi di numeri) che si possono prendere in esame hanno spesso dei comportamenti bizzarri e imprevedibili (e prima o poi c’è il rischio che ce la facciano pagare!) ma rispettano comunque determinate leggi, alcune di queste, legate alla loro probabilità di uscita.

Queste osservazioni servono per affermare che se non ci armiamo fin da subito di una buona “progressione” matematica ci troveremmo ben presto, si, ad assistere alla sortita dell’ evento da noi pronosticato, ma anche ad avere perso più soldi di quanti ne avremo potuti vincere in quel/quei colpo/i!!!

7) UN SISTEMA CON L’ ASSO NELLA MANICA!
Il sistema “WINNING ROULETTE” proposto in queste pagine utilizza un parametro “sicurezza/rendimento” che VOLUTAMENTE non sfrutta al massimo la sua potenza, al fine di preservarne la sicurezza!

Diciamo che è possibile variare con piccoli accorgimenti il parametro sicurezza a scapito del parametro rendimento e vice-versa. Il mio obiettivo da anni era quello di rendere il sistema vincente, sempre e in maniera continuativa, offrendo un buon margine di sicurezza (tutti i sistemi prima o dopo perdevano e io mi arrabbiavo!).

L’ ho ottimizzato nel corso del tempo e delle mie sperimentazioni al punto che, finché non perderà, non utilizzerò alcuni piccoli accorgimenti che ho già sviluppato per renderlo ancora più solido! Gli accorgimenti di cui parlo sono banali e nell’ applicazione del gioco vero e proprio li proporrò al lettore affinché ne tragga beneficio e rischi il meno possibile sulla sua pelle (e dalle sue tasche!)!

In sostanza, il sistema prevede un gioco in massima sicurezza, ma per torchiarlo al massimo non ho mai voluto (e non ne ho avuto bisogno per il momento) giocarlo con la massima sicurezza possibile. Basti pensare che il Casinò Online in cui sto giocando, non paga nulla all’ uscita dello zero nel senso che non si trattiene solo la metà delle fiches puntate sulla chances e nemmeno “congela” e “scongela” nessuna fiches in caso di vincita successiva!

In un Casinò più “onesto” potrei vincere cifre più elevate, o con meno patemi d’ animo in fasi negative, (mi sono capitate fasi in cui sono arrivato a puntare fino ad un massimo di  24 unità assistendo alla sortita di 7 zeri) e questo è solo uno degli accorgimenti di gioco che si possono migliorare!

8) LA SEMPLICITA’ PAGA
Alle volte ho provato ad elaborare sistemi molto complessi altre volte invece ho provato a giocare sistemi altrettanto complessi, ma  a dire il vero, (soprattutto in un Casinò reale) dopo qualche ora, si rischia di perdere la necessaria lucidità e si commettono degli errori perciò nel corso del tempo ho cercato di seguire, e a mia volta sviluppare, sistemi semplici che non richiedessero complicate operazioni matematiche!

“WINNING ROULETTE” è anche questo!
LA SEMPLICITA’ CHE PAGA!

9) CONCLUSIONI
Non mi dilungo ulteriormente in considerazioni filosofiche, non vorrei annoiare il lettore ancor prima di aver iniziato a giocare “WINNING ROULETTE”!

Come annunciato, tutto il lavoro che ho compiuto negli ultimi 14 anni è da ritenersi di pubblico dominio nel senso che, chiunque, potrà provare a giocare il sistema come da me proposto in versione assolutamente integrale (non ho tenuto nulla nascosto!).

Una curiosità: la somma dei numeri della Roulette da 1 a 36 da come risultato 666!
Macchina infernale?

Chissà!!!

“WINNING ROULETTE” I FONDAMENTI LOGICO-MATEMATICO-STATISTICI

Entriamo nel vivo del sistema analizzando la logica dei 9 punti fondamentali sui quali il sistema si basa ed analizziamoli assieme cercando di fornire una spiegazione razionale ad ogni punto!

ECCO I NOVE “PUNTI FORTI” DEL SISTEMA “WINNING ROULETTE”:

1) Semplicità di gioco
2) Permette di restare nel rapporto minimali-massimali del tavolo da gioco (qundi gioco reale, non solo su un bel pezzo di carta!)
3) Fornisce un utile costante e discreto
4) Non richiede estenuanti attese di boules prima di essere messo in gioco
5) Nei casi più estremi può essere ripreso e messo in gioco anche nei giorni successivi
6) Non richiede un capitale esagerato
7) Riesce a contenere anche il “rosicchiare” delle uscite dello “0”
8) Giocabile sulle chances semplici
9) … e desiderio comune di tutti noi studiosi…forse è davvero imbattibile!!!!!

Analisi punto N° 1:
In realtà, basta un pezzo di carta, una penna e la conoscenza della matematica elementare. Nel sistema “WINNING ROULETTE” si usano soltanto addizioni e sottrazioni per effettuare le operazioni di calcolo!
Se giocate al Casinò reale, assicuratevi di avere una giacca con qualche tasca, vi risulterà più comodo utilizzare le fiches per tenere i conteggi!

Analisi punto N° 2:
Molti sistemi da me analizzati soffrono di un’incolmabile lacuna legata proprio ai minimali ed ai massimali presenti in ogni tavolo da gioco. “WINNING ROULETTE” da questo punto di vista si difende molto bene poiché viene giocato sulle chances semplici e si basa sulla montante “*D’Alembert” che prevede l’aumento della posta di una sola unità ad ogni colpo perso e la diminuzione di un unità ad ogni colpo vinto. Ne consegue che prima di raggiungere il limite massimo di puntata, consentito dal tavolo da gioco, ci si deve trovare di fronte ad uno scompenso di 50 punti tra una chances e quella contrapposta! Con le opportune modifiche da me effettuate alla montante D’Alembert, vedremo come questo caso sia statisticamente molto, molto improbabile a verificarsi!

Analisi punto N° 3:
Non possiedo dei resoconti molto precisi sull’utile medio generato dal sistema “WINNING ROULETTE” anche perché questi utili medi andrebbero analizzati in relazione ad un’elevata quantità di permanenze!

Per esperienza personale, posso affermare che, ricavare un utile di 10-100 unità, richiede mediamente una sessione che  va dalle 30 alle 300 boules. Mediamente, ogni 10 sessioni di questo tipo ne incontro una particolarmente sfavorevole che mi introduce in una lunga fase di recupero che può arrivare anche oltre le 200 boules abbassando quindi notevolmente la media 1/3 sopra citata. Ma questa circostanza è tuttavia molto infrequente.

Per motivi legati alla precisione di gioco non mi sono mai soffermato ad analizzare il rendimento medio del sistema. Nelle mie sessioni di gioco, mi prefiggo un utile (Es. 10, 20, 30 unità) ed una volta raggiunto quell’utile, incasso e sospendo la partita!

Analisi punto N° 4:
Non vi è nessun’attesa di gioco: al primo colpo se lo desidero posso puntare a caso su una chances a mia scelta! Il gioco prosegue senza nessun’interruzione.

Analisi punto N° 5:
Personalmente mi è accaduto di non poter concludere una sessione per un motivo o per l’altro; sono allora stato costretto a dover continuare la partita in un altro momento.

Il sistema “WINNING ROULETTE” si avvale della tanto discussa “*permanenza personale”. Per farla breve, se analizziamo alcune serie di chances consecutive, o interrotte, constatiamo che le medie statistiche sono pressoché identiche rispetto a quelle che si presentano in una singola sessione di gioco.

Questo assunto mi ha sempre indotto a pensare che la “permanenza personale” esista in virtù del fatto che i numeri sortiscono con una frequenza direttamente proporzionale alla loro probabilità di uscita!

Per fare un esempio, se io analizzo con un computer l’uscita media al gioco del lotto di una serie composta da 45 numeri (la metà esatta di tutti i numeri al gioco del lotto) e la analizzo, prima per anni pari, poi per anni dispari, poi per anni alterni, oppure per mesi alterni, oppure per ruote alterne, oppure basandomi su un qualsivoglia campo estrazionale, noterò sempre che mediamente gli stessi 45 numeri sortiscono in modo uniforme (nel gioco del lotto abbiamo una media di 2,5 numeri dei 45 presi in esame per ogni estrazione)!!!

Ciò m’induce ancora una volta a pensare che la consecutività delle estrazioni non influisca sulla media legata alla probabilità di uscita di una determinata combinazione per cui è anche possibile continuare la sessione di gioco anche a distanza di tempo!

Nella pratica mi sono trovato poche volte a dover affrontare questo tipo di necessità ma ho sempre concluso la sessione, a posteriori, senza particolari problemi!!!

Analisi punto N° 6:
Il sistema “WINNING ROULETTE” per essere giocato con un buon margine di sicurezza richiede un capitale di 250 unità. Va da sé che dopo 5 sessioni di gioco in cui mi prefiggo di guadagnare 50 unità per sessione avrò completamente annullato il rischio di perdere i miei soldi  e potrò giocare tranquillamente “con i soldi del Casinò”.

A meno che non siate “sfortunatissimi” il rischio di perdere tutto alle prime sessioni di gioco è un evento che ha una probabilità molto, molto remota!!!!

Basti pensare che tutte le  “*figure possibili” (restiamo in un contesto di di chances semplici quindi: ROSSO-NERO, PARI-DISPARI etc.) che si possono formare in 22 boules consecutive sono pari a  2 elevato alla 22^ potenza che equivale a: 2.034.304 !!!

In pratica: una sola serie su  2.034.304 sarà quella perdente (questo numero rappresenta anche la probabilità di uscita della serie negativa).

Esistono però molte altre serie più o meno negative che si possono formare in in una sequenza di 22 boules consecutive che vi faranno perdere (e vincere) da uno sino a 22 colpi consecutivi! Questo è un discorso che non affronterò per il momento e in questa sede, vi posso solo dire che se perdete 250 unità alle prime sessioni: o avete sbagliato giocare il sistema, oppure è meglio che andiate a Lourdes per una settimana!!!!

Analisi punto N° 7:
Il sistema D’Alembert originale si basa sul famigerato “*Ritorno all’equilibrio” che altro non è che la stessa quantità di sortite di una chances rispetto a  quella contrapposta (Es. in 100 boules escono 50 Rossi e 50 Neri, ci troviamo di fronte ad uno stato di equilibrio!) e garantisce un unità vinta per ogni colpo che si è vinto (nell’esempio precedente io avrei vinto 50 fiches poiché, su 100 boules, 50 colpi sono stati perdenti e 50 vincenti!)

Consideriamo che alla Roulette non esiste assolutamente il ritorno all’equilibrio per il semplice fatto che esiste lo “0” (zero) e che la sortita di questo “malefico” numero avviene mediamente ogni 37 boules. In un  caso simile a quello sopra esposto, io in 111 boules di Roulette, assisterei alla sortita media di: 55 Rossi, 55 Neri e 3 Zeri!

Tutto ciò conduce ad un’obbligata situazione di disequilibrio e il sistema D’Alembert originale, alla lunga, “implode” e vi fa perdere tutto!

“WINNING ROULETTE” al contrario si basa su una mia idea di  “avvicinamento all’equilibrio” e di “colpi vinti-colpi persi” e sfrutta una fase di attacco ed una di recupero.

Nella pratica, “WINNING ROULETTE” vince anche quando i colpi persi sono maggiori di quelli vinti! Questo è uno dei suoi notevoli punti di forza!

Analisi punto N° 8:
“WINNING ROULETTE” si gioca sulle chances semplici quali: ROSSO-NERO, PARI-DISPARI, PASSE-MANQUE.

La sua forza di gioco è racchiusa in un infinito cerchio fatto di  colpi vinti e di colpi persi (questo modo di vedere un’ estrazione si può definire “chance semplice”).

CONCLUSIONI:
Il punto N° 9 non oso commentarlo, io ho dato una mia interpretazione di “sconfitta”, ma la vera sconfitta di un sistema si può solo presentare quando, alla lunga,  l’ utile conseguito risulta inferiore alla posta messa in gioco!

E ciò non mi è mai accaduto!!!
Ora che siete stati così pazienti da arrivare fino a qui potete leggere il sistema di gioco in pratica.


SISTEMA “WINNING ROULETTE” IL GIOCO IN PRATICA
Farò uno sforzo e cercherò di rendere l’esposizione del sistema più chiara e semplice possibile mediante l’utilizzo anche di qualche esempio.

GLI ATTREZZI DEL MESTIERE
-”WINNING ROULETTE” si gioca sulle chances semplici
-Munitevi di un foglietto e di una penna
-Siate metodici e non perdete la calma

Dove giocarlo – I casinò giusti per giocare il metodo

I migliori casinò dove giocare il sistema sono :

Il casinò più consigliato dove giocare il sistema lo trovi CLICCANDO QUI

Come sempre consigliamo di giocarlo prima in modalità free per fare pratica con il sistema.

Per togliere ogni dubbio ho applicato il sistema su di una permanenza reale inviata da uno dei nostri lettori, la trovi qui esempio-su-permanenze-2008

Anche in questo caso, che veniva dato perdente, in realtà il sistema ha vinto!!

Studiatelo bene e quando avete dei dubbi chiedete.

REGOLE DI GIOCO

1) Al primo colpo punto 1 unità (o fiches), ad ogni colpo perso aumento la posta di un’unità e ad ogni colpo vinto diminuisco la posta di un’unità. Sul mio taccuino annoto il numero delle fiches totali (che d’ora in poi chiamerò “TOTALIZZATORE”) che ho a disposizione nel mio “portafoglio”: nel mio caso sono 250!

2) Lo ZERO va considerato come un colpo inesistente. Dal punto di vista delle regole di gioco lo zero non sortisce mai. Dal punto di vista della progressione, invece, devo aumentare la posta di una sola unità poiché è da considerarsi un colpo perso.

3) Punto sempre sul colore contrario all’ultimo colore uscito. Se esce rosso punto su nero, se esce nero punto su rosso se perdo per tre volte consecutive significa che sono usciti tre rossi o tre neri allora seguo le indicazioni della regola N° 4 qui sotto.

4) Quando escono tre rossi di fila punto su rosso al colpo successivo, quando escono tre neri di fila punto su nero il colpo successivo. Dopo aver giocato lo stesso colore, dopo i tre colori in fila, si torna a giocare il colore contrario all’ultimo colore uscito.

Es. Sono usciti tre rossi, allora devo puntare rosso (regola numero 4) perdo (vuol dire che è uscito nero!) torno a puntare sul colore contrario all’ultimo uscito (se è uscito nero allora punterò rosso).

QUESTA E’ LA METODOLOGIA DI BASE PER LE PUNTATE A TAPPETO, IN REALTA’ POSSONO ESISTERE, E SI POSSONO ANCORA SVILUPPARE, ALTRE METODOLOGIE DI PUNTATA MA NE PARLEREMO PIU’ AVANTI IN RELAZIONE AI MOTIVI PER CUI HO SCELTO QUESTA METODOLOGIA.

COMMENTO:
Fino a qui nulla di particolarmente nuovo direte voi, ed e’ vero. Sembra tutto il d’Alembert classico. E allora?!
Il primo punto sebbene non sia così clamoroso e’ gia’ emerso ma lo approfondiremo dopo. In realtà questa metodologia mi permette di giocare, o meglio di trovare una fase di recupero favorevole, basandomi sull’idea di “*Garcia”: recuperare tutto in una “serie di 7” !!
Qui e’ un po’ diverso poiche’ non recupero tutto e nemmeno in una sola serie di 7 ma le serie favorevoli verso le quali io gioco sono 4 e precisamente:

-UNA SERIE TUTTI NERI
-UNA SERIE TUTTI ROSSI
-DUE SERIE DI INTERMITTENZE (NRNRNRNRNR   OPPURE   RNRNRNRNRN)

AL VERIFICARSI DI QUESTE SERIE: SE SONO PIU’ LUNGHE DI TRE VINCO CON LE SERIE DI ROSSI O DI NERI. CON LE INTERMITTENZE VINCO SEMPRE (DATO CHE GIOCO SEMPRE IL COLORE OPPOSTO RISPETTO L’ULTIMO COLORE USCITO)

Tutto chiaro?
Lo spero!
Andiamo avanti….

LE PUNTATE:
Arriviamo al motore vero e proprio del sistema e analizziamo quanto segue.

1) Ogni volta che vinco una fiches, il mio totalizzatore si porterà avanti di un’unità. Quindi annoto il nuovo risultato sul mio taccuino.

Esempio:
Sono partito con 250 fiches
al primo colpo vinco
il mio totalizzatore si porta a 251.
Annoto sul taccuino 251 (questo è il mio nuovo totalizzatore)
Se vinco un’altra fiches, il mio totalizzatore si porta a 252.
Annoto sul taccuino 252. (questo è il mio nuovo totalizzatore)

2) Considerazione; se perdo uno dei primi due colpi e vinco al terzo colpo VADO IN PARI e quindi il mio totalizzatore resta a 250!

Esempio:.
Se perdo il 1° colpo vado a -1 ed il totalizzatore va a quota 249 se vinco, vado a 251

Se perdo il  2° colpo vado a -3 (2+1) ed il totalizzatore va a quota 247 se vinco, vado a 251
Se perdo 3° colpo vado a -6 (3+2+1) ed il totalizzatore va a quota 244 se vinco, vado a 250

Da quest’esempio si evince che se perdo entro uno dei primi tre colpi NON PERDO NULLA ma se vinco per più volte  al 3° colpo significa che sto acquisendo un “*vantaggio matematico” nei confronti del banco!

Il concetto di vantaggio matematico si dimostra determinante nella vittoria del “WINNING ROULETTE” e questo è un altro dei concetti teorici da me sviluppati!

Nel D’Alembert originale dopo aver vinto al terzo colpo io dovrei diminuire la posta di un’unità.
Niente di più fallimentare!!!!!!!!

Nel “WINNING ROULETTE” io torno a puntare una fiches come se partissi da capo o meglio dal capo del mio totalizzatore!!!

E’ chiaro il concetto!?

Qui e’ racchiuso un altro segreto del sistema “WINNING ROULETTE”: in ogni ambito della partita, ogni qualvolta il mio totalizzatore torna al suo stato iniziale (l’ultima annotazione che ho fatto sul taccuino, chiamatela come volete!), io torno a puntare una fiches, poi due, poi tre etc,  come se ripartissi da capo, mantenendo un vantaggio matematico!!!!

Più avanti vedremo che nella pratica accade proprio questo!

3) Il resto della partita si svolge più o meno così; anche se mi trovo in una fase in cui sto puntando 7-8 fiches al colpo, ma sono in fase di recupero, devo sempre tenere sott’occhio lo stato del mio totalizzatore ( rappresentato dai soldi che ho in saccoccia) e quando i soldi che ho in saccoccia (in fase di recupero) raggiungono  il valore del totalizzatore che ho annotato sul taccuino torno a puntare una fiches, poi due etc etc etc!!!

ESEMPIO PRATICO
totalizzatore sul taccuino a 250

Punto 1 e perdo vado a 249    non segno nulla sul totalizzatore
Punto 2 e perdo vado a 247    non segno nulla sul totalizzatore
Punto 3 e perdo vado a 244    non segno nulla sul totalizzatore
Punto 4 e perdo vado a 240    non segno nulla sul totalizzatore
Punto 5 e perdo vado a 235    non segno nulla sul totalizzatore
Punto 6 e vinco vado a 241     non segno nulla sul totalizzatore
Punto 5 e vinco vado a 246     non segno nulla sul totalizzatore
Punto 4 e vinco vado a 250     i soldi in saccoccia equivalgono al totalizzatore sul taccuino!
STOP!

Punto 1 e riparto daccapo.

Nell’ esempio qui sopra esposto, posso notare che con 5 colpi persi e tre colpi vinti sono andato in pareggio mantenendo però un vantaggio matematico di due colpi vinti. Infatti, per raggiungere l’equilibrio (statistico) dopo aver perso 5 colpi, dovrei vincerne altri 5!

PRECAUZIONE:
Alcune volte mi è accaduto di dover affrontare fasi di gioco particolarmente negative dovendo mettere a tappeto puntate di 17, 18 20, 22 fiches per ogni singolo colpo.

Queste fasi negative, come ho avuto modo di sperimentare, non si protraggono però all’infinito poiché, presto o tardi, una serie lunga di Neri o di Rossi (o d’intermittenze) si deve per forza verificare!

Intramezzati a questi colpi perdenti (che sono in netta maggioranza rispetto a quelli vincenti) vi sono quasi sempre dei colpi vincenti che mi permettono di giocare in parte con i soldi del Casinò andando ad accrescere leggermente il mio totalizzatore reale.

Tutto ciò mi permette dei recuperi più sicuri e meno dispendiosi (cosa che con il D’Alembert classico non accade mai)!

Con un esempio pratico potrei affermare che sto aspettando una grande pioggia per riempire un secchio d’acqua e nel frattempo inizio a riempire il mio secchio con delle gocce d’acqua. Quando la grande pioggia arriverà avrò bisogno di molta meno acqua, a quel punto, per poter riempire tutto il secchio!!

Nella maggioranza dei casi, (con puntate di 17, 18, 20, 22 fiches al colpo) i soldi che ho in saccoccia (totalizzatore reale!) tornano ad equivalersi con il totalizzatore annotato sul taccuino (totalizzatore virtuale!) quando ridiscendo sotto alle dieci unità puntate per singolo colpo.

In casi come questi la tecnica che ho sviluppato è la seguente:

  1. Se siete coraggiosi continuate il gioco finché il totalizzatore reale non si equivale o supera il totalizzatore virtuale, non importa di quanto!
  2. Se siete meno coraggiosi fate come faccio io: quando la differenza tra il totalizzatore reale ed il totalizzatore virtuale può essere colmata in un solo colpo discendo col valore della puntata (abbassamento di montante fuori programma!) che sto effettuando al valore che intercorre al momento tra i due totalizzatori. Se vinco, vado in pari e riparto da capo. Se perdo proseguo aumentando di un unità la puntata che ho appena effettuato.

Urge un esempio:
Situazione ipotetica: Differenza tra totalizzatore reale e quello virtuale = 25 (Es. Tot. Virt. = 270, Tot. Reale= 245)

– Punto 10 fiches sul rosso e vinco. Differenza tra i totalizzatori adesso è = 15
– Al colpo successivo punto 9 fiches e vinco. Differenza tra i totalizzatori = 6
– Ora che la differenza tra i totalizzatori è 6 non punto 8 fiches ma abbasso la montante a 6 fiches. Se vinco vado in pari e riparto da capo se perdo al colpo successivo punterò 7 fiches etc  etc.!!!!!

In questo modo ho “forzato” un abbassamento di montante che, quanto meno, mi allevia di un poco il carico delle puntate!

ALTRE OSSERVAZIONI:
Appare naturale che con l’applicazione di questo metodo di gioco ogni volta che si incontra una serie formata da 3 Rossi e 3 Neri, poi ancora 3 Rossi e 3 Neri si perdono tutti i colpi di fila. Questo è vero ma, come abbiamo già detto, queste serie negative non possono continuare in eterno.

In secondo luogo in casi come questi potete provare a puntare su qualsiasi chance, per una decina di colpi, affinché questa serie sventurata formata da figure di 3 rossi e 3 neri (es. NNNRRRNNNRRR  etc. etc.), s’interrompa. Potete poi riprendere il gioco normalmente.

Il discorso è sempre il solito: incontrare serie di dodici analoghe a quella sopra esposta è un evento comunque molto raro. Dal punto di vista probabilistico è un evento che si verifica mediamente 1 volta ogni 4096 boules di Roulette e tenendo presente che le serie di questo tipo (speculari tra loro) sono soltanto due la probabilità che questo evento accada è di 1 ogni 2048 boules.

Stiamo parlando delle uniche due figure che ci fanno perdere 12 colpi consecutivi su 12!

IL SISTEMA VINCE ANCHE SE PERDE!
Nei test effettuati, partendo con un budget iniziale di 250 unità, dopo un centinaio di sessioni di gioco (da mezzora a tre ore ciascuna e circa 3 mesi giocando tutti i giorni) oggi mi trovo ad avere incassato 1180 unità senza peraltro avere intaccato il mio capitale iniziale che ora ammonta a 297 unità.

Ammettendo di perdere nell’immediato futuro, durante una sessione di gioco, tutte le 250 unità della mia posta iniziale, mi troverei comunque ad avere già in mano le 1180 unità effettivamente incassate. Ciò mi permetterebbe di iniziare da capo una nuova “partitona” che si concluderà nel momento in cui mi troverò a perdere ancora le 250 unità della posta iniziale.

Da questo semplice ragionamento si evince che se il sistema ha prodotto vincite pari a 1180 unità a fronte di una sola sconfitta di 250 unità. L’utile netto così ammonta a 930 unità per ogni “partitone” da me giocato. In buona sostanza, anche se perdo di tanto in tanto, sono comunque destinato a rimanere in vincita!!!!

CONCLUSIONI:
A dire il vero queste situazioni “critiche” sono piuttosto  rare e per questo motivo è ancora in fase di studio un comportamento metodico da adottare in queste situazioni atipiche.

Tutti infatti sappiamo che la fase più difficile è proprio quella del recupero. Un’ altra variante da me sperimentata (forse un po’ aleatoria)  è analoga a quella sopra proposta, ma prevede il recupero dell’intervallo tra i due totalizzatori, suddividendo la puntata (ed il conseguente valore dell’intervallo stesso) in due colpi vincenti consecutivi.

Il metodo di gioco è tutto qui, più facile da giocare che da spiegare!

I sistemi che trovate vanno sempre studiati in modalità gratis ( soldi finti) .

Per chi gioca in un Casinò online il tutto diventa ancora più semplice poiché alcuni noiosi conteggi sulle vincite e sulle perdite vengono effettuati in automatico dal Software!

Ringraziamo l’autore del sistema Mauro Michelie per aver condiviso il metodo.