, problemi e efficaci contro un

Se la virilità è un po’ arrugginita, i non mancano. Ecco tutte le novità per ridarle splendore e l’erezione va e viene come una lampadina in procinto di fulminarsi o se è addirittura assente (ahinoi!), niente paura: lo specialista giusto ti aiuta a risolvere il problema. La disfunzione erettile (o impotenza) è l’incapacità di raggiungere o di mantenere un’erezione sufficientemente prolungata per consentire un rapporto sessuale soddisfacente. È un problema molto diffuso, in Italia ne soffrono circa 4 milioni di uomini . Si manifesta in modalità differenti:  l’erezione può essere completa all’inizio e scomparire prima del rapporto, essere debole fin dall’inizio  oppure essere così minima da non permettere un  rapporto completo. Se questi episodi capitano saltuariamente non c’è da allarmarsi. Nel caso in cui siano continui e durino da alcuni mesi è consigliabile rivolgersi a un andrologo senza vergogna né imbarazzo, perché oggi ci sono cure efficienti.
LE CAUSE Le principali sono tre: la disfunzione erettile organica, dovuta a lesioni che riguardano il sistema arteriovascolare (circa 1’80%) oppure quello nervoso; la psicogena, legata invece a un motivo psicologico, infine la mista organico-psicogena, per una combinazione di entrambi i fattori. «È più soggetto a disfunzione erettile chi soffre di pressione alta, diabete, ipertensione arteriosa e colesterolo».
LA «Lo specialista ti prescriverà esami del sangue per misurare colesterolo, trigliceridi, glicemia, testosterone e altri ormoni. Poi un’ecocrafia, chiamata Ecocolor Power Doppler, o anche la cavernosografia, utili per sapere se ci sono anomalie nel sistema venoso».
LE CURE «Le più frequenti sono il tadalafil () che aumenta il flusso sanguigno arterioso  del pene e va preso da 60 minuti a 12 ore prima di  una rapporto sessuale; il sildenafil (), vasodilatatore delle arterie del pene che va preso un’ora  prima del rapporto; il vardenafil () indicato per problemi di più lieve entità e che si prende  un’ora prima del rapporto» .
«Quando le arterie sono compromesse è necessario invece ricorrere alla chirurgica. Viene  inserito un micro bypass che collega l’arteria dorsale del pene con l’arteria epigastrica (nell’addome), ricca di sangue: così si saltano le ostruzioni e  il pene viene di nuovo regolarmente irrorato».