ed , per e

Qualunque sia l’origine della tenaglia che ti sta strizzando il cervello, tutto ciò che desideri è farla scomparire al più presto: sei disposto a buttarti su qualsiasi pillola o compressa che trovi in casa. Ma non è sempre la soluzione migliore. Quindi…
Come guarire
Premi il pulsante. Prova a cercare: da qualche parte, sul collo o nella parte superiore della schiena, c’è un punto in cui avverti dolore. Be’, premilo con decisione per qualche minuto. Ti farà bene anche massaggiare la testa e la nuca, ma attento a eseguire la manovra delicatamente. Anche un impacco freddo sulla fronte potrebbe alleviare il dolore.
Prova a farti un caffè. Alcuni tipi di emicrania passano assumendo caffeina. Però, accidenti, ci sono altri tipi di mal di testa che con il caffè si accentuano. Insomma, se te la senti e il mal di testa ti sta sfinendo, gioca alla roulette russa con la caffettiera.
Sogna a occhi aperti. Una fantasia guidata può essere un buon modo per tentare di sbarazzarsi del mal di testa. Prova questo esercizio: chiudi gli occhi e immagina di essere disteso su una spiaggia, con il sole che ti scalda dalla testa ai piedi.
Senti le onde che s’infrangono sul tuo corpo. L’acqua si ritira, e tu lasci che si porti via anche tutta la tensione. Quando sarai del tutto rilassato, visualizza il tuo mal di testa come un oggetto con una dimensione e una consistenza. Trasformalo in un liquido e lascialo scorrere tra le dita. All’inizio ti sentirai un po’ imbecille, ma a poco a poco vedrai che la cosa darà i suoi frutti (soprattutto se inspiri mentre l’onda arriva e svuoti i polmoni mentre se ne va).
Emicrania? Quale emicrania? Quando senti che sta per arrivare un attacco, non abbatterti: cerca di restare attivo. L’esercizio fisico, attività sessuale inclusa, può contribuire a stroncare sul nascere una cefalea. Tra l’altro il sesso non serve solo ad alleviare lo stress, ma anche a favorire la produzione di endorfine, gli analgesici naturali dell’organismo.
Invece, evita: se soffri di attacchi frequenti, lascia stare l’autoprescrizione, che ti porta ad abusare di farmaci, tra l’altro con il rischio di provocarti una gastrite. Meglio rivolgersi a uno specialista per ottenere una corretta del proprio problema.