Come avrete potuto leggere nell’altro articolo, è riuscito a cambiare radicalmente le sue entrate riuscendo a lavorare molto meno e con meno stress. Adesso vediamo un pò di seguire alcuni dei suoi che sono presenti nel suo libro.

  • Non rimandare le cose piacevoli a quando andrai in pensione. Per tre motimvi: non ha senso sacrificare gli anni migliori della tua vita facendo, molto spesso, un lavoro che neanche piace; visto l’aumento dei prezzi e la flessione delle pensioni, il rischio è di non avere, una volta finito di lavorare, neanche i per andare la cinema. Se invece i accumulati sono tanti vuol dire che sei stato una ambiziosa macchina da lavoro, e in questo caso sentirai il desiderio di lavorare anche dopo la pensione. Quindi, devi riuscire a distribuire periodi di riposo durante tutto l’arco della tua vita, tempo da dedicare a quello che ti piace di più. E per fare questo c’è solo una strada, devi riorganizzare il tuo tempo.
  • Non accontentarti della mediocrità, le mete irrealistiche sono le più facili da raggiungere. Il 99% delle persone è convinto di non poter fare grandi cose, così preferisce puntare sulla mediocrità. In questo modo la competizione è molto più agguerrita sugli obiettivi realistici che non sulle grandi imprese. In più, le difficoltà stimolano l’afflusso di adrenalina che garantisce la resistenza necessaria a superare anche le prove difficili. Fai l’elenco delle cose che più ti piacerebbe fare, anche quelle che ti sembrano più assurde, e calcola i soldi che ti ci vorrebbero tutti i mesi per realizzarle.
  • Impara a ritagliarti del tempo libero, il trucco consiste nel farlo mantenendo o aumentando le tue entrate. Per i dipendenti questo vuol dire incrementare la produttività per incrementare il proprio potere contrattuale con un duplice obiettivo: un aumento di stipendio e la definizione di un accordo per il lavoro a distanza. Più facile per gli imprenditori, che devono solo diminuire la quantità di lavoro e contemporaneamente aumentare i profitti. Per entrambi è fondamentale evitare gli sprechi di tempo. Inizia con il darti due compiti primari al giorno e dedicati a quelli, separatamente, senza distrazioni né interruzioni; la concentrazione aumenta e il tempo di esecuzione diminuisce.